Navigare Facile

Turismo

Le Terme e il Teatro dei Pupi

Le attrazioni turistiche ad Acireale principalmente due: le rinomate Terme ed il Teatro dei Pupi.

Le acque termali di Acireale erano conosciute fin dall'antichità per le loro proprietà terapeutiche e medicamentose.
Già i Greci le utilizzavano ed avevano costruito degli stabilimenti termali chiamati Xiphonie; successivamente i romani ne costruirono degli altri: di essi abbiamo ancora i ruderi presso San Venera al Pozzo.

A partire dal Medioevo si venne a creare una leggenda secondo la quale le acque erano state rese 'miracolose'dalla martire e patrona della città Santa Venera, anzi si credeva che si trattasse del suo stesso sangue.
Solo dal XIX secolo però gli stabilimenti divennero sufficientemente attrezzati anche come struttura alberghiera e per offrire il massimo confort ai suoi 'pazienti'.
Il Barone Agostino Pennini fece infatti costruire a sue spese gli edifici di Santa Venera nonché il magnifico Grand Hotel des Bains adiacente, circondati da un magnifico parco.
Ciò contribuì notevolmente a conferire ad Acireale una fama a livello Regionale.
Nel 1987 è stato inaugurato un nuovo Complesso Termale di Santa Caterina.
Le acque sulfuree provenienti dall'Etna si uniscono sottoterra con quelle marine ricche di iodio e vanno  a formare un'acqua sulfurea-salsobromoiodica che fuoriesce all'esterno da più sorgenti ad una temperatura di 22°.
Da essa si ottengono anche speciali fanghi, facendovi macerare l'argilla del vulcano per ben 3 anni.

Le terme si sono specializzate in numerosi trattamenti, a partire dalla cure inalatorie per laringiti, sinusiti e riniti, fino ai massaggi per i problemi reumatici.

Il Teatro- Museo dell'Opera dei Pupi è stato interamente creato dal puparo Turi Grasso con l'aiuto della famiglia anch'essa appassionata a questo mondo.
I pupi sono delle marionette molto rifinite simili a bambole e con volti e costumi molto personalizzati; con essi vengono rappresentate le storie di Carlo Magno  e dei suoi paladini.
Quelli Acesi sono molto grandi, con altezza di 120 cm e peso di 20 kg e sono prodotti a mano: il materiale è il legno ed il ferro per il corpo, mentre il rame è utilizzato per l'armatura e la spada; i tessuti per i vestiti sono ricercati e finemente cuciti.
I testi delle recite vengono tratti, spesso rielaborati, dalle opere della Gerusalemme Liberata o dalla Chanson de Roland o da altri scritti ad esempio di G. lo Dico.

A febbraio si svolge un evento che richiama visitatori da tutta la Sicilia: Il  più bel Carnevale di Sicilia'.
Per l'occasione si allestiscono carri in cartapesta in stile allegorico-grottesco e si organizzano spettacoli, danze e manifestazioni folkloristiche di vario genere.

Anche la gastronomia ad Acireale è particolarmente rinomata: oltre ai tradizionali  cannoli alla ricotta, la città si distingue per l'utilizzo particolare del pistacchio, inserito negli arancini di riso, e per le granite di limone e mandorla ricoperte di panna.